14 Ott 2018 16:00
Storie di fatica e di rabbia. Di tumulti e di congiure. I luoghi della congiura dei Pazzi

Un itinerario alla scoperta della storia e dei luoghi della congiura dei Pazzi, la cospirazione ordita dalla famiglia dei banchieri fiorentini per stroncare, con l’appoggio del papato, della Repubblica di Siena e del Regno di Napoli, l’egemonia dei Medici sulla città di Firenze. In origine il piano prevedeva di avvelenare Lorenzo e Giuliano de Medici il 25 aprile 1478 durante un banchetto nella Villa Medici di Fiesole; quel giorno, però, un’indisposizione improvvisa di Giuliano rese vana l’impresa, che fu rimandata al giorno successivo, 26 aprile, durante la messa in Santa Maria del Fiore: l’agguato in Duomo, al momento solenne dell’elevazione dell’ostia, costò la vista a Giuliano, mentre Lorenzo si salvò fuggendo e barricandosi nella sacrestia. Jacopo de’ Pazzi, a capo della congiura, aveva completamente sbagliato la valutazione della risposta della popolazione fiorentina: quando si presentò in Piazza della Signoria con un gruppo di compagni a cavallo gridando “Libertà!“, invece di essere acclamato venne assalito dalla folla che si accanì contro i congiurati.

Il percorso inizierà da Palazzo Medici, residenza di Lorenzo e Giuliano dei Medici, per proseguire in Piazza Duomo, luogo dell’agguato, fino a Palazzo Pazzi, dell’architetto Giuliano da Maiano, in Via del Proconsolo, per terminare al Bargello dove vennero impiccati alcuni congiurati, di cui resta un famoso il disegno di Leonardo da Vinci, che assistette all’impiccagione in questo luogo di Bernardo Bandini Baroncelli.

Durata dell’itinerario 1 ora e mezzo

Prezzo euro 12, speciale soci Coop euro 10, bambini euro 8

Auricolari euro 1,50 (facoltativi)

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it

A cura di Cooperativa Archeologia in collaborazione con Comune di Firenze-Estate Fiorentina 2018

Prenotazione

Evento al completo, Guarda gli altri eventi in questa Location:
Loading Map....