3 Dic 2023 15:00
Palazzo Pitti con la mostra “Gli Ebrei, i Medici e il Ghetto di Firenze” – INGRESSO GRATUITO

Acquistato nel 1550 da Cosimo I de‚ÄôMedici e dalla moglie Eleonora di Toledo per trasformarlo nella nuova residenza granducale, Palazzo Pitti divent√≤ ben presto il simbolo del potere consolidato dei Medici sulla Toscana. Visiteremo la Galleria Palatina, alla scoperta della “quadreria” dei Granduchi, una collezione straordinaria di opere che ancora conserva un allestimento che rispetta il gusto delle epoche passate: i quadri, di Raffaello, Tiziano, Rosso Fiorentino, Fra‚Äô Bartolomeo, Caravaggio, Rubens, con le loro ricche cornici coprono infatti tutte le pareti delle sale, secondo la tradizione delle quadrerie secentesche. Negli spazi della Galleria d‚Äôarte moderna, Sala del¬†Fiorino e Sala della Musica √® ora allestita una mostra che indaga la storia del Ghetto ebraico di Firenze, esistito in citt√† tra il Sedicesimo e il Diciannovesimo secolo. Il Ghetto fiorentino fu fondato nel 1570 da Cosimo I e da Carlo Pitti, come parte di un progetto di riordino urbano, e fu demolito tra il 1892 e il 1895. Per quasi tre secoli il ghetto √® stato il baricentro dell‚Äôebraismo fiorentino. In quanto propriet√† privata della dinastia, esso costituisce un¬†unicum¬†assoluto in termini politici e amministrativi, come nel complesso intreccio della storia ebraica italiana, luogo di segregazione, ma anche fulcro di un importante microcosmo umano, culturale e spirituale.

Con attenzione verso la molteplicità dei pubblici e verso la necessità di abbattere pregiudizi e stereotipi, la mostra indaga il modo in cui la storia del Granducato si intreccia a quella della minoranza ebraica, facendo finalmente luce sulle vicende di un importante e finora poco conosciuto tassello della Firenze rinascimentale.

Durata 2 ore e mezza

Ingresso GRATUITO la 1¬į domenica del mese

Prezzo della visita guidata¬†‚ā¨16, bambini ‚ā¨8

Auricolari¬†‚ā¨1,50

A cura di Cooperativa Archeologia

La prenotazione alle visite è obbligatoria

Scegli una modalità di prenotazione: 

  • Telefona¬†allo¬†055-5520407
  • Invia una¬†mail¬†a¬†turismo@archeologia.it¬†
  • Compila il¬†modulo di prenotazione¬†sottostante,¬†inserendo¬†nome, cognome, la propria mail, il numero di telefono e il numero di posti da prenotare

Prenotazione

Le prenotazioni sono chiuse per questo evento.

Loading Map....