17 Nov 2019 16:30
Il Memoriale Italiano di Auschwitz: storia di un restauro
Visita guidata al Memoriale di Auschwitz con i restauratori

Una visita al Memoriale degli italiani ad Auschwitz con la guida dei restauratori che hanno effettuato i delicatissimi interventi di pulitura e rimontaggio dell’opera.

Il viaggio da Auschwitz a Firenze

Il Memoriale degli italiani caduti nei campi di sterminio nazisti è un monumento in ricordo di tutti gli italiani che morirono nei Lager nazisti. Il Memoriale fu voluto, progettato e collocato nel Blocco 21 del campo di Auschwitz nel 1979 dall’Aned (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti), grazie alla collaborazione di un eccezionale gruppo di intellettuali, fra cui anche Primo Levi.

Nel 2011 la direzione del Museo di Auschwitz decise di interdire la vista dell’opera al pubblico. La giustificazione fu che non rispondeva più alle linee guida del Museo stesso. Dopo anni di traversie, sotto la minaccia di smontaggio e distruzione da parte del Museo polacco, il Memoriale è finalmente approdato a Firenze. Qui ha trovato la sua sede definitiva grazie alla stretta collaborazione fra enti e organizzazioni diverse, tutte animate dall’unico scopo di trovare una degna sede a questa fondamentale opera.

Il Memoriale come testimonianza storica e artistica

Attraverso il Memoriale il visitatore si immerge nella cupa storia dell’Italia fascista, in una spirale di angoscia di immagini, colori e suggestioni sonore. Il Memoriale è una delle prime installazioni multimediali della storia, che ha richiesto soluzioni innovative per il rimontaggio e la conservazione. Infatti si tratta di un’opera unica e irripetibile anche per quanto riguarda la forma, una gigantesca spirale di tela. Il visitatore entra in questo spazio continuo, ossessivo, percorrendo una passerella, che ricorda le traversine e i binari del treno e diviene egli stesso prigioniero. La stessa inquietante suggestione si riceve quando si prende il volantino entrando, dove è scritto: “questo è il tuo numero”.

Il restauro

Il Memoriale proprio per la sua stessa conformazione presentava difficoltà immani dal punto di vista conservativo. Infatti la forma a spirale impone che la tela sia fissata tramite orpelli e ganci ad una struttura esterna, che la mantiene in uno stato di tensione permanente. Un’azione difficile e delicata da replicare nel rimontare l’opera, soprattutto perché calibrare il grado ideale di tensione è rischiosissimo, dato che il pericolo di lesione della stoffa è sempre presente.

Enjoy Firenze® vi porterà a visitare il Memoriale con la guida dei restauratori che hanno effettuato i delicatissimi interventi di pulitura e rimontaggio dell’opera, operazioni a cui ha lavorato un’equipe composta di esperti restauratori di Cooperativa Archeologia, con la supervisione dell’Opificio delle Pietre Dure, eccellenza europea del restauro.

Informazioni utili

Durata della visita 1 ora

Ingresso gratuito

Prezzo della visita € 5 per tutti

 

A cura di Cooperativa Archeologia

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it

 

 

Prenotazione

Evento al completo, Guarda gli altri eventi in questa Location:
Loading Map....